Martedì, 09 Gennaio 2018 13:00

C.A.T. 4You Quadriennale - NUOVO INDIRIZZO

PERCHÉ UN DIPLOMA IN QUATTRO ANNI

“Un percorso di studio più rapido senza penalizzare le competenze” Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca promuove per l’anno scolastico 2018/19 una sperimentazione nei Licei e Istituti Tecnici, consistente nell’avvio in 100 Scuole italiane di corsi di studio quadriennali.

Questo in linea con gli orientamenti e le esigenze sempre più sentite in ambito europeo.

 

 

 

A partire dall’anno scolastico 2018/2019 presso l’Istituto Tecnico CAT “G.B Aleotti” di Ferrara sarà attivo il nuovo indirizzo “Gestione delle acque e risanamento ambientale”, previsto dalla revisione dei percorsi dell’Istruzione Professionale (D. Lgs. 61/2017).

 

Per la particolare conformazione dei nostri territori, con un complesso e delicato equilibrio fra terra e acqua, l’economia ferrarese necessita della figura professionale del tecnico di “Gestione delle acque e risanamento ambientale”, in grado di aiutare a gestire in modo razionale le risorse idriche e valorizzarne gli aspetti ambientali e turistici. Occorre preparare “tecnici di livello intermedio” che siano in grado di affrontare le importanti problematiche idrico-ambientali e ottimizzare lo sfruttamento in modo eco-sostenibile delle risorse onde evitare, in un prossimo futuro, l’aggravarsi delle problematiche già oggi esistenti ed il peggioramento della qualità della vita per i cittadini.

Il tecnico delle acque e il diplomato CAT sono complementari

L’esperto della gestione delle acque si annovera tra le figure professionali ambientali che hanno come obiettivo la promozione, la tutela, il ripristino e la valorizzazione delle risorse idriche di superficie e del sottosuolo e del territorio in cui ricadono.

Il tecnico delle acque può diventare pertanto una figura complementare al diplomato CAT (Costruzioni, Ambiente e Territorio) in possesso anche di competenze nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici esistenti nel territorio e nell'utilizzo ottimale delle risorse ambientali.

Caratteristiche del nuovo indirizzo

È un percorso dell’Istruzione Professionale finalizzato al conseguimento di un diploma quinquennale di istruzione secondaria di secondo grado a cui può accedere lo studente in possesso del titolo conclusivo del primo ciclo d’istruzione.

In attesa delle disposizioni ministeriali più dettagliate, qui i quadri orari e le aree dei piani di studio.

Sbocchi professionali e formativi

Il diplomato in “Gestione delle acque e risanamento ambientale” possiede le competenze per poter lavorare presso Enti pubblici territoriali (comuni, province, regione, amministrazioni dello stato), Aziende pubbliche e private per l’erogazione dei servizi pubblici ( ad esempio: Addetto alla gestione di reti e impianti idrici, del monitoraggio e controllo delle risorse idriche e degli interventi per il riutilizzo delle acque reflue; Progettista di sistemi di gestione ambientale e della sicurezza; Tecnico per aziende di fornitura acqua potabile; Tecnico nel settore dei servizi, delle utenze, delle MULTI UTILITY; Tecnico nei consorzi di bonifica e per i servizi legati alla protezione civile; Tecnico per gli uffici delle amministrazioni pubbliche con compiti di controllo e di prevenzione ambientale.)

Il diploma in “Gestione delle acque e risanamento ambientale” permette il proseguimento degli studi presso:

  • gli Istituti Tecnici Superiori (I.T.S.) con percorsi post-diploma di durata biennale;
  • l’Università, con la frequenza dei corsi di laurea triennali e/o magistrali più congruenti alle conoscenze acquisite (ad esempio: Ingegneria Ambientale, Ingegneria Idraulica, Ingegneria Fisica, Scienze Geologiche, Scienze e gestione del territorio, Chimica e altri).

 

 

Martedì, 02 Aprile 2013 12:05

Design

-gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi grafici, progettuali e della forma;

-le radici storiche, le linee di sviluppo e le diverse strategie espressive proprie dei vari ambiti del design e delle arti applicate tradizionali;

-il rapporto progetto-funzionalità-contesto, nelle diverse finalità relative a beni, servizi e produzione;

-tecniche e tecnologie per la definizione del progetto grafico, del prototipo e del modello tridimensionale;

-il patrimonio culturale e tecnico delle arti applicate;

-i principi della percezione visiva e della composizione della forma.

Martedì, 02 Aprile 2013 12:04

Grafica

-gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi progettuali e grafici;

-le radici storiche e le linee di sviluppo nei vari ambiti della produzione grafica e pubblicitaria;

-le tecniche grafico-pittoriche e informatiche nei processi operativi;

-le procedure di approccio nel rapporto progetto- prodotto- contesto, nelle diverse funzioni relative alla comunicazione visiva e editoriale;

-usare tecniche e tecnologie della progettazione e produzione grafica;

-i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafico-visiva.

Martedì, 02 Aprile 2013 12:04

Arti Figurative

-forma grafica, pittorica e/o scultorea

-i fondamenti storici e concettuali; i principi della percezione visiva;

-le interazioni delle forme pittoriche e/o scultoree con il contesto architettonico, urbano e paesaggistico

-progetto e tecniche della figurazione bidimensionale e tridimensionale,

-l’arte moderna e contemporanea

-la percezione visiva, la composizione della forma grafica, pittorica e scultorea

Martedì, 02 Aprile 2013 12:03

Architettura e Ambiente

-i processi progettuali e operativi inerenti all’architettura ed il contesto ambientale,

-gli aspetti estetici, concettuali, espressivi, comunicativi, funzionali e conservativi che interagiscono e caratterizzano la ricerca architettonica.

-le tecniche, le tecnologie, gli strumenti e i metodi della rappresentazione;

-i principi e le regole della composizione e le teorie essenziali della percezione visiva.

-i fondamenti culturali, teorici, tecnici e storico-stilistici che interagiscono con il proprio processo creativo.

-la produzione architettonica ed urbanistica del passato e della contemporaneità.

-le interazioni tra l’architettura e le altre forme di linguaggio artistico.

-il disegno geometrico, i mezzi multimediali, le nuove tecnologie,

-le relazioni tra il linguaggio grafico, geometrico-proiettivo tradizionale e quello mediato dalla grafica digitale del disegno assistito.

Martedì, 02 Aprile 2013 12:02

Costruzioni, Ambiente e Territorio

 
Il tecnico in COSTRUZIONI,AMBIENTE E TERRITORIO è una figura professionale che accoglie in sè le tradizionali competenze del geometra e perito edile e le arricchisce assecondando le rinnovate esigenze dell'edilizia moderna. E' in grado di intervenire con una maggiore attenzione nel rapporto tra progettazione e impatto ambientale e di collaborare, nei contesti produttivi d'interesse, nella programmazione di organismi infrastrutturali complessi.
 

Il diplomato sarà in grado:

  • pianificare ed organizzare le misure in materia di salvaguardia della salute e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro;
  • intervenire in fase progettuale ed esecutiva, nella realizzazione di infrastrutture, opere di difesa, salvaguardia e interventi di bonifica;
  • effettuare stime di immobili ed accertamenti in ambito privato, pubblico e catastale;
  • effettuare rilievi topografici utilizzando tecniche tradizionali e moderne;
  • progettare, realizzare, conservare,trasformare e migliorare opere civili;
  • predisporre tutte le soluzioni nell'ambito dell'edilizia ecocompatibile per il risparmio energetico, nel rispetto delle normative sulla tutela dell'ambiente;
  • operare nell'organizzazione, assistenza, gestione e direzione dei cantieri;
  • organizzare e redigere computi metrici preventivi e consuntivi;
  • interpretare ed applicare la normativa vigente del settore costruzioni

 

Sbocchi ProfessionalI:

 

Gli studenti al termine del percorso formativo, possono inserirsi nelle imprese del settore, assumendo ruoli e responsabilità di coordinamento lavori.Ci sono ampi spazi per l'esercizio della libera professione e attività di consulenza, con opportunità di accesso agli ordini professionali regolamentati, come i geometri e i periti industriali. Numerosi sono gli ambiti specialistici di intervento: urbanistica,edilizia pubblica e privata, topografia,sicurezza,ambiente, settore pubblico.

 

PIANO ORARIO MATERIE di INSEGNAMENTO :

clicca qui

 

 

Giovedì, 17 Gennaio 2013 14:35

Orientamento Aleotti

Il nuovo indirizzo Gestione delle Acque e risanamento Ambientale:

 

A partire dall’anno scolastico 2018/2019 presso l’Istituto Tecnico CAT “G.B Aleotti” di Ferrara sarà attivo il nuovo indirizzo “Gestione delle acque e risanamento ambientale”, previsto dalla revisione dei percorsi dell’Istruzione Professionale (D. Lgs. 61/2017).

 

Per la particolare conformazione dei nostri territori, con un complesso e delicato equilibrio fra terra e acqua, l’economia ferrarese necessita della figura professionale del tecnico di “Gestione delle acque e risanamento ambientale”, in grado di aiutare a gestire in modo razionale le risorse idriche e valorizzarne gli aspetti ambientali e turistici. Occorre preparare “tecnici di livello intermedio” che siano in grado di affrontare le importanti problematiche idrico-ambientali e ottimizzare lo sfruttamento in modo eco-sostenibile delle risorse onde evitare, in un prossimo futuro, l’aggravarsi delle problematiche già oggi esistenti ed il peggioramento della qualità della vita per i cittadini.

 

Caratteristiche del nuovo indirizzo:

È un percorso dell’Istruzione Professionale finalizzato al conseguimento di un diploma quinquennale di istruzione secondaria di secondo grado a cui può accedere lo studente in possesso del titolo conclusivo del primo ciclo d’istruzione.

In attesa delle disposizioni ministeriali più dettagliate, qui i quadri orari e le aree dei piani di studio.

 

Sbocchi professionali e formativi:

Il diplomato in “Gestione delle acque e risanamento ambientale” possiede le competenze per poter lavorare presso Enti pubblici territoriali (comuni, province, regione, amministrazioni dello stato), Aziende pubbliche e private per l’erogazione dei servizi pubblici ( ad esempio: Addetto alla gestione di reti e impianti idrici, del monitoraggio e controllo delle risorse idriche e degli interventi per il riutilizzo delle acque reflue; Progettista di sistemi di gestione ambientale e della sicurezza; Tecnico per aziende di fornitura acqua potabile; Tecnico nel settore dei servizi, delle utenze, delle MULTI UTILITY; Tecnico nei consorzi di bonifica e per i servizi legati alla protezione civile; Tecnico per gli uffici delle amministrazioni pubbliche con compiti di controllo e di prevenzione ambientale.)

Il diploma in “Gestione delle acque e risanamento ambientale” permette il proseguimento degli studi presso:

  • gli Istituti Tecnici Superiori (I.T.S.) con percorsi post-diploma di durata biennale;
  • l’Università, con la frequenza dei corsi di laurea triennali e/o magistrali più congruenti alle conoscenze acquisite (ad esempio: Ingegneria Ambientale, Ingegneria Idraulica, Ingegneria Fisica, Scienze Geologiche, Scienze e gestione del territorio, Chimica e altri).

 

............................................................................

 

 

Che cos'è l'Istituto Tecnico per Geometri :visita cantiere

 E' una scuola di istruzione superiore dal taglio fortemente professionale e applicativo. Accompagna

gli studenti e al termine degli studi consente loro di:

  • entrare direttamente nel mondo del lavoro attrverso la libera professione;
  • specializzarsi attraverso corsi di formazione post-diploma (ITS);
  • proseguire gli studi a livello universitario.

E' un percorso formativo che si contraddistingue per la scelta di affiancare al canale di

istruzione classico, numerose attività integrative che mettono subito il giovane a diretto contatto

con professionisti ed enti del settore.

 

 

L'indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio è adatto a tutti coloro che:

  • sono interessati alle attività del settore delle costruzioni e dell'edilizia;
  • sono sensibili ai temi della tutela del territorio e dell'ambiente;
  • vogliono svolgere attività di coordinamento e gestione in tema di sicurezza nei luohi di lavoro.

 

Caratteristiche innovative

  • didattica laboratoriale;
  • visite guidate, tecniche e viaggi di istruzione;
  • progetti professionalizzanti come stage, alternanza scuola-lavoro, percorsi d'abilitazione professionale;
  • approfondimenti disciplinari sulle nuove tecnologie;
  • corsi di sostegno e recuperi;
  • corsi CAD,BIM (ALLPLAN), rilievo satellitare;
  • avviamento alla pratica sportiva.
  • Tecnica rilevamento con drone VIDEO
  • ESITI INVALSI ALEOTTI 2015 
  • Pagina facebook istituto
Pagina 1 di 2