Istituto Tecnico

G.B. Aleotti

Via Camilla Ravera, 11, Ferrara

Liceo Artistico

Dosso Dossi

Via Bersaglieri del Po, 25/B, Ferrara

Il 2 e il 9 aprile al Parco Massari di Ferrara si sono svolte le riprese video per il soggetto di un cortometraggio scritto da un gruppo di otto studenti delle classi 2 D e 2 E del Liceo Artistico Dosso Dossi di Ferrara, coordinati dalla prof.ssa di Storia dell’arte Gianna Bignozzi e dalla prof.ssa di Italiano Gianna Perinasso.

La sceneggiatura adattata dal regista M. Giordano Tunioli, raccontata con storyboard disegnati dagli studenti sotto la guida della prof.ssa di Discipline Grafiche e Pittoriche Silvia Sartori per la scenografia del prof. di Discipline Geometriche Mauro Nannini, ha rappresentato una tappa significativa: una sperimentazione di regia tra la teoria del cinema e la pratica della produzione video con l’uso di una videocamera 4K, affidata alla docente prof.ssa Elisa Leonini. I ruoli concordati col regista e con la coordinatrice del progetto, prof.ssa Patrizia Catania, riaffermano la centralità dell’osservazione in didattica e coinvolgono i docenti sul campo dei linguaggi cinematografico e musicale. La risposta degli studenti ha consentito di restituire una documentazione della fecondità del metodo didattico: sostegno per combattere l’esclusione unendo intelligenze di diversa abilità, gestione innovativa di metodi e discipline diversi in curriculi sia teorici che laboratoriali.

In contrappunto, la sperimentazione di regia sta registrando l’attenzione sia di associazioni locali come Ferrara Film Commission, che è interessata alla diffusione delle produzioni cinematografiche giovanili sul territorio, che di reti di scuole già operative su scala nazionale nell’insegnamento dell’audiovisivo.

Lunedì 15 aprile gli studenti hanno potuto visionare in anteprima i giornalieri delle riprese cogliendo l’occasione di un coinvolgimento attivo e rielaborativo delle loro performance.

Le diverse fasi del percorso didattico offrono l’indicazione di un intreccio praticabile tra la sperimentazione viva del progetto preliminare “Suono e immagine in progetto” e l’articolazione di un processo didattico che risponda fattivamente alle istanze del Piano Nazionale Cinema per la Scuola e produca progressivamente elementi di valutazione per i curriculi.